Singen, 8. 5.–12. 5. 2017

La prima attività di apprendimento nell’ambito del progetto CultureShake si è svolta presso il liceo Gymnasium di Friedrich-Wöhler di Singen, dall’8 maggio al 12 maggio 2017.

L’obiettivo

L’obiettivo di questa attività di apprendimento è elaborare, utilizzare e valutare collettivamente i prodotti che sono stati preparati all’interno del progetto. I prodotti sono legati a due opere di Shakespeare, il Sogno di una notte di mezza estate e la Tempesta. L’attività didattica, tenutasi a Singen, si concentra sull’opera di Shakespeare Sogno di una notte di mezza estate.

Gli obiettivi del progetto nell’ambito delle attività di apprendimento sono:

  • promuovere le competenze linguistiche,
  • promuovere il multilinguismo,
  • sviluppare la dimensione europea dell’istruzione con un’enfasi sul multilinguismo,
  • facilitare l’accesso a concetti interculturali di apprendimento multiculturale,
  • sostenere gli scambi di insegnanti e alunni.

Concetto di contenuto

Gli studenti con background di rifugiati sono coinvolti nel progetto e in esso non dovrebbero essere trattati come eccezioni o individui con caratteristiche speciali, anche se, ad esempio, le loro norme sull’asilo dei rifugiati proibiscono viaggiare. Il nostro concetto non è orientato alla diversità culturali e al tentativo di creare interazioni interculturali, ma funziona sulla base dell’ibridazione culturale e linguistica, e di conseguenza migliora l’attività multiculturale. Pertanto, i prodotti di questo progetto enfatizzano solo le differenze laddove sia necessario. Dove possibile, questi punti si applicano anche alla cultura individuale dei partecipanti.

Preparativi: le attività di questa settimana sono state pianificate con i partner del progetto in conformità con l’inizio del contratto. Dall’inizio ufficiale del progetto, il 1 ° agosto 2016, la concettualizzazione è stata ulteriormente definita, valutata e rafforzata.

I partecipanti

I partecipanti al progetto sono: gli studenti della scuola inglese English School of Gothenburg (ESG) (Svezia) e del liceo Friedrich-Wöhler (FWG) (Germania). Gli studenti dell’ESG sono seguiti dai seguenti insegnanti: Chloe Bye, Clare Skoglund. Gli studenti del FWG sono seguiti da Yannick Kuch, Simone Paulun, Anna Räuber e Hildi Rieger. Il supporto accademico è stato fornito dalla dott.ssa Annette Deschner (Pedagogical University, Karlsruhe), e dalla dott.ssa Mojca Kompara (Università del Litorale, Capodistria, Slovenia) e Lisa Peter (tutor presso il Shakespeare Birth Trust di Stratford, Regno Unito).
 

Nella settimana dello scambio, si sono svolte le seguenti attività

lunedì, 8 maggio 2017

Gli studenti si conoscevano già, poiché in passato partecipavano alle attività di eTwinning e scambiavano e-mail e messaggi. Gli studenti partecipano insieme al progetto in gruppi multinazionali. Il primo giorno della settimana di scambio, gli studenti hanno per prima cosa esplorato i locali della scuola che li ospitava. La preside della scuola, la signora Sabine Beck ha salutato gli ospiti nell’aula professori, dove professori e i membri del progetto CUSHA hanno dialogato piacevolmente.

 

Il primo workshop ha seguito i temi delle biografie del linguaggio (vedi prodotti: Risultato intellettuale 4). All’inizio del progetto, gli studenti hanno creato una matrice linguistica che era immediatamente in uso. Nella matrice, gli studenti hanno deciso la madrelingua e le lingue straniere che hanno appreso. La biografia del linguaggio è come un esercizio di meditazione per migliorare la consapevolezza linguistica che ha portato quelle lingue che non possono essere rilevati nella matrice, perché gli studenti non le hanno elencate. Hazaragi, un dialetto della Persia, appariva come madrelingua, nel caso di uno studente che ha disegnato un cuore. Lo studente non ha dichiarato che fosse la sua madrelingua, dal momento che questa non è la lingua ufficiale. I partecipanti rifugiati provenienti dall’Afghanistan e dalla Siria hanno aderito al compito con grande cautela. Dopo l’esercizio, era chiaro che gli studenti non sono abituati a parlare delle loro madrelingue.

Gli studenti profughi hanno mostrato un atteggiamento molto positivo verso l’esercizio, perché vedevano ”se stessi” in questo contesto come individui normali. In pratica non guardavano all’esercizio come a un esercizio che è specificamente preparato per studenti profughi, e se stessi in una posizione speciale, ma come una singola parte organica del progetto comunitario (l’apprendimento della comunità). Questo è uno degli obiettivi fondamentali del progetto CultureShake: inserire normalità nell’ibridazione culturale e creazione di materiali e visioni di armonia che va oltre al progetto CultureShake, nella vita scolastica quotidiana. Vogliamo dimostrare che la combinazione di lingue e culture può essere normale. Per questo motivo esponiamo la lingua persiana, che è da un lato la madrelingua dello studente profugo, d’altro lato è anche la madrelingua dello studente della scuola ESG in Svezia. Le biografie linguistiche hanno scoperto molte lingue diverse degli studenti della scuola tedesca FWG. Gli studenti profughi si sono cosi avvicinati alla normalità, mentre gli studenti locali hanno acquisito maggiore internazionalità. La bibliotecaria nella scuola tedesca FWG, la signora Barnhardt ha contribuito al successo di questo esercizio, dal momento che ha curato i poster per le biografie linguistiche e ci ha accolto nella biblioteca ed ha creato uno spazio di lavoro caldo e accogliente, con una bella vista sul Hohentwiel.

Dopo questa prima esperienza di lavoro cumulativa nell’atmosfera del workshop, è stata presentata un’introduzione scientifica su Shakespeare. Poiché gli studenti hanno già conosciuto i contenuti, potevano partecipare a presentazioni interattive commentando e facendo domande. Lo scopo della presentazione era un’introduzione alla vita e al lavoro di Shakespeare e colmare le lacune dei laboratori didattici e video che seguirono. L’aspetto centrale era la decostruzione della visione diffusa di Shakespeare come area esclusivamente culturale alta ed appartenente alla struttura culturale elitistica.

Alla presentazione sono stati fatti dei passi per creare una visione di Shakespeare da parte degli studenti. La vita teatrale ai tempi di Shakespeare e stata introdotta con il modello geografico della città di Londra. I puritani hanno vietato i teatri – compreso il Globe Theatre – nei quartieri esterni, così Shakespeare ha dovuto sopravvivere con il suo lavoro andando dai pub ai bordelli. Con la ricostruzione del concetto di Shakespeare, da un idolo elitistico e intoccabile ad un autore laborioso che affronta i problemi della vita quotidiana, gruppi di studenti multinazionali sono stati preparati per futuri incarichi nella settimana dello scambio. Uno studio di varie traduzioni delle opere di Shakespeare (ad esempio Klingon) era il collegamento a un seminario sulla biografia della lingua.

Gli studenti devono indovinare già della copertina con traduzioni diverse, di quale lingua e opera si trattava. Questo è stato un compito molto semplice per gli studenti che sono linguisticamente diversi. Durante questo compito, c’è stato avvistato un momento divertente; quando abbiamo mostrato l’opera in lingua persiana e abbiamo chiesto agli studenti di quale lingua e opera si tratta, hanno immediatamente risposto che la lingua è “araba”. Quando l’insegnante ha chiesto loro perché hanno risposto così, hanno semplicemente detto “perché c’è scritto”.

 

Durante le pause pranzo abbiamo goduto della cucina e delle insalate fresche della mensa scolastica sotto la guida della famiglia Ulbrich e degli accompagnatori, la sig.ra Münzer ed il sig. König. Per la piacevole atmosfera, le nostre pause pranzo sono diventate un’ottima occasione per comunicare con gli insegnanti. Il nostro scambio con la professoressa Brandi-Dohrn e il vice presidente Spitzhüttlom ha dato una preziosa visione del progetto.

Gli studenti hanno trascorso il pomeriggio nelle famiglie che li ospitavano. In questo modo hanno potuto conoscere meglio i loro compagni di squadra e l’area circostante, così si sono riposati a Singen dopo un viaggio difficile. Il team del progetto ha avuto un incontro transnazionale nel pomeriggio (M1a).

 

martedì, 9 maggio 2017

In che modo i visitatori che visitano la città vivono la vivace città di Singen? Usando Geocache “Fairies Singen” (confrontando i prodotti IO 4), gli studenti hanno studiato le attrazioni di Singen, questo era particolarmente importante per gli studenti del FWG. I luoghi sono stati scelti in anticipo e progettati sotto forma di Geocache, con i quali gli ospiti e i visitatori hanno conosciuto Singen. Per il “tesoro” delle fate di Titania Peaseblossom, Cobweb, Moth, Mustardseed e Puck hanno trovato 11 canzoni dell’opera di Shakespeare Sogno di una notte di mezza estate. Geocache può essere utilizzato in futuro per altri scambi, in particolare per i gruppi di Australia, Francia e Italia.

In quel giorno, i partner del progetto hanno creato workshop e attività per gli studenti, mentre il resto della giornata è stato preso a carico dal gruppo multinazionale. Insieme hanno affrontato le questioni per la preparazione dei materiali didattici. Questo workshop è stato introdotto come un modo per replicare il concetto di inclusione e multilinguismo come mezzo di alfabetizzazione in termini di priorità del progetto. Questo funge da base per la preparazione dei materiali di apprendimento (per saperne di più vai ai risultati intellettuali 3).

La giornata, che è iniziata con “Fairies Singen”, si è conclusa in serata presso la prova dell’orchestra Rielasingena e.V. con il brano Sogno di una notte di mezza estate di Mendelssohn-Bartholdy. Gli studenti di CultureShake che sono membri dell’orchestra hanno invitato il nostro gruppo alla prova d’orchestra.
 

mercoledì, 10 maggio 2017

La giornata è iniziata con il ricevimento del sindaco di Singen, la sig.ra Seyfried nel salone del municipio. Il sindaco ha accolto il progetto European Culture Shake di fronte al muro “Krieg und Frieden”, dipinto nel 1960 da Otto Dix per il Consiglio comunale. Era presente anche il giornale regionale locale “Südkurier”.

In seguito al riconoscimento e all’esperienza della combinazione di lingue e multilinguismo nei gruppi multinazionali, è stata avviata la “cultura locale”. Sulla base dell’ispirazione e delle idee di Mark Wagler di pensare al di fuori delle casse culturali (Terry Eagleton), l’orientamento tematico degli incontri era di non pensare alla cultura ed alla lingua “svedese” o “tedesca”, ma lavorare sul tema della diversità linguistica. Nell’ambito di un esercizio culturale locale, gli studenti non hanno familiarizzato con simboli nazionali come bandiere, monumenti e feste nazionali, ma l’esercizio si è concentrato sulla cultura individuale dell’uomo e del suo ambiente.
Ecco perché gli studenti hanno avuto l’idea e hanno disegnato un simbolo per la loro cultura. Questo ha mostrato che i simboli, ad es. sport, musica e famiglia possono andare oltre i confini che si trovano in Germania, Svezia, Afghanistan o Siria (per saperne di più vai ai risultati intellettuali 4).

Il workshop “CUSHA Online Dictionary” è incentrato sulle competenze digitali e linguistiche. Usare e lavorare con il dizionario ha senso in combinazione con attività aggiuntive nel campo del multilinguismo, delle dinamiche multiculturali e di Shakespeare. Non si tratta di imparare l’uso di un dizionario nel modo in cui cerchiamo concetti, ma piuttosto di creare un dizionario specifico dall’area tematica del progetto. Con la piattaforma web Termania, i gruppi transnazionali hanno creato il loro dizionario di Shakespeare. Il primo workshop congiunto si è concentrato sulle voci tratte dall’opera Sogno di una notte di mezza estate. Durante la durata del progetto, il dizionario verrà ampliato con le voci tratte dall’opera la Tempesta. Al dizionario verranno aggiunte immagini e file audio, poiché tutti gli studenti non hanno avuto l’opportunità di andare a scuola. Ciò dimostra che gli studenti possono ancora imparare insieme in un concetto inclusivo. In questo modo, altri oratori possono creare voci ed il contenuto può essere compreso senza la necessità di competenze alfabetiche, e quindi è possibile promuovere le competenze linguistiche. Il team ha lavorato con una versione abbreviata dell’originale. La lingua inglese di Shakespeare era nuova per tutti gli studenti e doveva essere sviluppata insieme. Per il dizionario web, gli studenti hanno selezionato le loro voci che volevano includere. Poi hanno trovato parlanti di altre lingue, dal momento che la parola doveva essere tradotta per tutti gli altri partecipanti al progetto. E’ stato proprio questo ad aprireun bazar linguistico; “I need someone with Swedish. Where is a person who speaks Persian? Who can help me with…?” Questo esercizio supporta il concetto di costruzione (cfr. Cummins e Butzkamm) a livello cognitivo, riflettendo concetti estranei con i concetti della lingua madre (per saperne di più vai ai risultati intellettuali 2).

La serata cinematografica è stata organizzata da un gruppo di studenti. Il film selezionato era Sogno di una notte di mezza estate. di Michael Hoffman. Gli studenti del FWG hanno presentato il film e la serata si è conclusa con una discussione sul film.

 

giovedì, 11 maggio 2017

L’intera giornata è stata dedicata a video e recitazione. Dopo l’attività di riscaldamento all’aperto, le scene per la registrazione video sono state preparate nel pomeriggio (per saperne di più vai ai risultati intellettuali 3). Gli esperti hanno assistito i gruppi multinazionali di studenti con la preparazione, con le discussioni indipendenti o in gruppo.

Nel pomeriggio, le squadre hanno cercato un luogo adatto per preparare i video nei pressi di FWG. Wehrd Island, Münchried – la foresta e il panorama di Hohentwiel sono stati scelti perché offrono una varietà di opzioni. Diversi gruppi hanno riferito i loro video e hanno scambiato i loro risultati. I video sono stati poi modificati dagli studenti di ESG (per saperne di più vai ai risultati intellettuali 3).

La serata è stata trascorsa presso le famiglie ospitanti che hanno organizzato individualmente il programma.

 

venerdì, 12 maggio 2017

Per chi non lo sapesse, Mainau non è solo un paradiso floreale, ma anche “l’isola di Shakespeare”. A Mainau l’American Drama Group Europe ha spettacoli annuali. Al ricevimento da Lady Bernadotte, è stato presentato anche il significato della Svezia sul lago di Costanza, anche attraverso il legame con la famiglia reale, e si parlava anche lo svedese.

Dopo aver esplorato l’isola ci siamo diretti verso la città di Costanza. Il panorama alpino del lago di Costanza ci ha tolto il fiato.

Non abbiamo usato le borse CultureShake solo per la “passeggiata in città” a Costanza.

Nella pensione di Bodensee abbiamo festeggiato la fine di una settimana intensa. Il paesaggio si oscuro quando la tempesta estiva soffio sul lago. Uno studente ha affermato qualcosa di molto significativo, “questo è lo scenario perfetto per la Tempesta”– un’adeguata transizione per il nostro prossimo viaggio, che ci sta aspettando a Stratford …